Menu Chiudi

L’insonnia di Marianna

Marianna (sono stati modificati i dati che possono rendere la persona riconoscibile) è una donna di 45 anni, che lavora part time come segretaria, ha un figlio di 10 anni e un marito con cui ha una buona relazione di coppia. Ma ha un problema: da diversi mesi ormai non dorme, o meglio, dorme poco e male.
Si corica verso le 23.00, però non prende il sonno subito. Di solito, trascorsa un’ora a letto guardando il soffitto, inizia ad agitarsi, pensando a quanto sarà pesante il giorno seguente, alle cose da fare l’indomani, a quelle che si è dimenticata di fare nella giornata appena conclusa. Durante la notte si risveglia almeno due o tre volte, e riparte con i pensieri sopra esposti.
Al mattino si sveglia con la testa pesante, durante il giorno è distratta e tende a dimenticarsi le cose.
Si sta preoccupando molto di questa situazione: “se continuerò a dormire così poco mi ammalerò!”, “come mai mio marito e mio figlio dormono e io no? Sicuramente c’è qualcosa di sbagliato in me!”, “non riuscirò a svolgere le mie faccende quotidiane se non riposo almeno 8 ore a notte!”.  E così via.
Durante la giornata, quando rientra dal lavoro molto stanca, cerca di fare un sonnellino, lei dice “per recuperare il sonno perso durante la notte” e in generale cerca di affaticarsi poco, poichè si sente fisicamente e mentalmente spossata. Ha abbandonato il corso di nuoto che aveva iniziato e tende a declinare gli inviti delle amiche, perchè “troppo stanca”.
Come può fare Marianna per migliorare il suo sonno? Ci sono degli errori che, inconsapevolmente commette?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy