Menu Chiudi

Quando riapriranno le scuole: consigli per gli insegnanti

In questo periodo di lontananza fisica dalla scuola i bambini stanno continuando a fare i compiti distanti dai loro insegnanti. Si tratta di una situazione nuova per tutti, che ovviamente avrà una sua conclusione e i bambini riprenderanno le loro solite attività.

Però in questo periodo di lontananza potranno essere successe alcune cose che avranno magari segnato un prima e un dopo per alcuni alunni. Vediamo in dettaglio. Alcuni bambini avranno vissuto relativamente con tranquillità la situazione. Avranno svolto i compiti regolarmente seguiti dai genitori o dai nonni.

Ma forse per qualcuno non sarà stato così. I compiti saranno stati svolti solo parzialmente e con difficoltà perchè magari i genitori saranno stati al lavoro e i nonni non in grado di seguirli adeguatamente. O magari i genitori avranno avuto altri figli più piccoli a cui badare. Il mio consiglio quindi è di prevedere un rientro soft.

In secondo luogo alcuni bambini avranno vissuto questo periodo in maniera difficile. Forse avranno avuto vicino a loro qualcuno che ha contratto il coronavirus, e avranno avuto paura di poter perdere quella persona e magari paura anche per loro stessi. Qualcuno avrà subito un lutto, purtroppo.

Quindi, se sei un insegnante non aspettarti un rientro a scuola per forza di cose gioioso per tutti. Anzi, cerca di informarti per quanto possibile se qualche bambino ha vissuto la perdita di un familiare o qualche altra situazione spiacevole.

Ora prova a pensare a te stesso: magari hai vissuto questo periodo anche tu dovendoti occupare di qualcuno e hai dovuto comunque lavorare. Forse il tempo non suonava nello stesso modo di sempre e ti sei sentito strano, a terra, preoccupato. Ecco, pensa anche a te stesso. Non pretendere di tornare al lavoro e di dare subito il massimo. Ci vuole tempo per tutti per tornare alla normalità, per gli alunni ma anche per te.

Quindi quando ripartirai puoi seguire questi suggerimenti:

Parti lentamente. Dedica un pò di tempo ad attività piacevoli e di gioco, anche all’aperto se possibile.

Permetti ai bambini di parlare di come hanno vissuto questo periodo. Informati se qualcuno ha vissuto situazioni particolari e difficili. Nel caso dedica a quel bambino/a delle attenzioni in più per farlo sentire maggiormente a suo agio.

Non sgridare o dare note a chi non è riuscito a completare i compiti. Tieni conto di tutte le variabili di cui sopra.

Confrontati con i colleghi rispetto al vissuto del rientro, non isolarti. Probabilmente scoprirai che tanti hanno le tue stesse difficoltà nel riprendere le varie attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy