Menu Chiudi

La violenza psicologica: riconoscerla e saper chiedere aiuto

Si parla sempre più spesso di violenza di genere cioè quella forma di violenza che viene messa in atto all’interno della coppia dal compagno, marito,  fidanzato (o ex) verso la propria compagna.
La violenza fisica è la forma di violenza se vogliamo più eclatante e visibile ma esiste un altro tipo di violenza altrettanto pericoloso anche se talvolta meno evidente che è la violenza psicologica.
Cos’è violenza psicologica:
Umiliazioni dirette verso la partner (non sei capace, non capisci niente, sei una stupida)
Comportamenti manipolatori: se non fai questo io di conseguenza faccio/non faccio quest’altra cosa. Se esci con le tue amiche dirò ai bambini che non sei una brava mamma. Non sono io a sbagliare. Sei tu che non capisci.
Controllo costante ed ossessivo: dove sei? Con chi sei? Non voglio che tu esca con…
Chiamami, vengo a prenderti. Ti accompagno io. Voglio che passi tutto il tuo tempo libero insieme a me. Sei mia. Chi ti ha messaggiato? Le tue amiche non mi piacciono. Se sorridi ad un amico vuol dire che ci stai provando con lui.
Ovviamente la situazione è tanto più grave quanto più è ripetuta e frequente.
Come fare per tutelarsi, per difendersi da questo tipo di violenza?
La prima cosa da fare è prestare attenzione ad alcuni campanelli d’allarme che possono comparire fin dall’inizio della relazione o dopo un po’ di tempo.
Vediamo di seguito quali sono:
Il partner è eccessivamente geloso e possessivo. Ti fa sentire come una regina ma pretende dedizione assoluta.
Parla male delle tue amiche e dei tuoi amici. Le tue amiche sono leggere e superficiali, delle “poco di buono”, i tuoi amici hanno sempre un secondo fine.
Organizza cene, viaggi senza consultarti e non dà importanza al fatto che tu ti sia già organizzata diversamente. Se provi a obiettare si innervosisce o si arrabbia.
Questi comportamenti quanto più sono pervasivi, costanti e messi in atto in maniera irragionevole tanto più indicano una situazione che è meglio monitorare con attenzione.
Immagine su alfemminile.com
Cosa fare se invece si è immerse in una relazione che ha chiaramente le caratteristiche di una situazione violenta?
La prima cosa è credere alle proprie percezioni, sensazioni, emozioni non sentendosi sbagliate o “matte”.
In secondo luogo è possibile parlare della situazione con una persona di cui ci fidiamo davvero, che possa condividere la difficoltà del momento e magari fornire anche un aiuto pratico.
Infine sono presenti degli sportelli che offrono aiuto.
Sul territorio di Brescia e della Vallecamonica troviamo:
Lo sportello antiviolenza di Darfo Boario Terme tel 0364 536632
Lo sportello di Capodiponte tel 338 3707282
La Casa delle Donne di Brescia tel 030 2400636

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy