Menu Chiudi

Adolescenti e uso di sostanze: che fare?

L’adolescenza è un’età di grandi cambiamenti, perchè i ragazzi sentono la necessità di sperimentarsi e mettersi alla prova, per trovare la loro identità.

Spesso il passaggio all’azione, anche definito come impulsività, è rapido, perchè l’adolescente utilizza le proprie emozioni più che la razionalità per elaborare la realtà che lo circonda. Inoltre i ragazzi sono spesso alla ricerca di gratificazioni immediate, non riuscendo spesso a cogliere l’idea di “futuro” ma vivendo in una sorta di eterno presente.

Ciò avviene perchè alcune aree del cervello maturano prima di altre e in particolare durante l’adolescenza l’area cerebrale che serve per controllare le emozioni e per ragionare in modo razionale matura dopo quella che serve per esprimere le emozioni.

Questo spiega perchè gli adolescenti vivono tutto “a mille” e sperimentano spesso emozioni forti anche in assenza di fatti reali che le “giustificherebbero”.

L’adolescenza inoltre è un’età di paure. Le principali sono:

-paura dei fallimenti scolastici (al di là di quello che potrebbe sembrare in apparenza)

-paura del giudizio e del rifiuto da parte del gruppo dei pari

-paura di sentirsi diversi e privi di identità

-paura di non essere all’altezza dei canoni estetici e di fallire nelle prestazioni sessuali

Questi fattori rendono l’adolescente particolarmente vulnerabile all’uso di sostanze. Queste infatti, per lo meno in un primo momento, sono adatte a ridurre i disagi emotivi, perchè aiutano a sentirsi più sicuri nelle relazioni con gli altri e nella gestione delle proprie emozioni. Per inciso: se le sostanze stupefacenti non facessero sentire bene, nessuno le utilizzerebbe.

Ovviamente, questo effetto positivo è solo temporaneo e, nel tempo, se l’assunzione diventa costante, possono instaurarsi dipendenza fisica e/o psicologica, differenti nella loro forma e intensità a seconda della/e sostanza/e assunta/e. 

I genitori devono però essere consapevoli che una loro corretta conoscenza delle sostanze e dei loro effetti li rende degli interlocutori autorevoli per i propri figli. No quindi a informazioni approssimative, stereotipi e “sentito dire”.

 

Se sei un genitore e sospetti o hai la certezza che tuo figlio utilizzi sostanze stupefacenti, ecco cosa puoi fare:

Distingui tra uso occasionale e continuativo. 

Anche un uso occasionale di sostanze non è positivo perchè trasmette l’idea che sia necessario un “aiuto esterno” per stare bene, tuttavia un uso continuativo espone tuo figlio a rischi maggiori. Ricorda che non tutti quelli che vengono a contatto con le sostanze stupefacenti ne diventano dipendenti.

Parla con tuo figlio del problema sostanze così come affronteresti altri argomenti su questioni che lo  riguardano e ti stanno a cuore. La sua disponibilità ad aprirsi dipenderà molto da come tu affronterai l’argomento.

Quindi:

non drammatizzare. Finiresti con il perdere il controllo e bloccheresti il dialogo

non minimizzare. L’uso di sostanze non può essere una “scelta da tollerare”

Punta sulle sue risorse e manda messaggi di incoraggiamento e fiducia

Usa frasi come “Mi fido della tua intelligenza”, “so che ce la puoi fare”. 

In alcune situazioni può essere utile usare i test della farmacia (urine o saliva) presentandoli come un aiuto e non come una modalità di controllo ossessivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy